Calcolo rate prestito: quali variabili incidono sulla rata di un finanziamento?

222

Indice dei contenuti

Nel momento in cui si richiede un prestito personale o un finanziamento, è molto importante calcolare almeno in modo indicativo l’importo della rata mensile. Solo in questo modo possiamo renderci conto di quali sono le spese che dobbiamo affrontare ogni mese per effettuare un rimborso regolare e in tempo delle rate mensili del finanziamento. Inoltre, possiamo renderci conto del fatto che l’esborso può essere effettivamente sostenibile per noi rispetto al nostro reddito e alle nostre entrate mensili.

Prestiti e rate mensili: valutazione

Grazie ad una valutazione della rata mensile si possono confrontare le migliori proposte di prestito tra di loro e scegliere quindi la migliore soluzione. Al fine di effettuare il calcolo, oltre alla somma che si vuole richiedere ovvero l’importo totale del prestito che si richiede, occorre tenere in considerazione anche i tassi di interesse. Si tratta quindi del valore del Tan, il tasso annuo nominale, e del Taeg, il tasso annuo effettivo globale.

Inoltre, occorre tenere in conto anche altri aspetti, tra cui il numero complessivo delle rate e la frequenza con la quale queste devono essere rimborsate alla banca che ha erogato il prestito. In genere, la rata mensile di un finanziamento non deve essere superiore ad un terzo del proprio stipendio. Se il prestito risulta essere cointestato, occorre considerare un terzo della somma degli stipendi dei richiedenti del finanziamento.

Calcolo rate mensili: come funziona?

Il calcolo della rata mensile di rimborso di un prestito è particolarmente importante. A questo proposito, occorre prendere in considerazione diversi aspetti. In particolare, esistono oggi molti strumenti on-line che ci consentono di effettuare dei calcoli della rata mensile di un prestito o di un mutuo prima ancora di utilizzare un qualsiasi tipo o modello di calcolatore. Occorre prendere in considerazione i valori che sono essenziali per capire qual è la formula per il calcolo della rata mensile del prestito. L’importo di ogni singola rata rappresenta il risultato di alcuni algoritmi matematici. Questi algoritmi tengono conto del piano di ammortamento e sono influenzati da una serie di parametri.

Questi parametri possono variare spesso anche da una banca all’altra, ma anche da un cliente ad un altro. Occorre prendere in considerazione se si tratta ad esempio di un mutuo, del valore dell’immobile, oltre che della finalità di richiesta del prestito. Occorre poi inserire l’importo del mutuo e la durata del periodo di rimborso del finanziamento.

Inoltre, bisogna inserire anche il numero delle rate che si intendono pagare annualmente, che possono essere mensili o trimestrali, di solito. Tuttavia, ci sono anche delle soluzioni di prestiti che prevedono l’erogazione di rate mensili con rimborso semestrale. Infine, bisogna calcolare il tasso di interesse. Questo si ottiene svolgendo una somma tra lo spread della banca e l’indice di riferimento. Questo indice è l’Euribor per i prestiti a tasso variabile e l’Eurirs per i prestiti a tasso fisso. Infine, occorre tenere in considerazione anche il valore dello spread.

Variabili di cui tenere conto

Sono numerose le variabili che incidono sulla rata di un prestito. Di queste bisogna tenerne conto naturalmente per capire esattamente qual è l’importo delle rate mensili che dovremmo rimborsare alla banca nel momento in cui richiediamo un finanziamento o un prestito personale. Queste variabili rappresentano quindi gli elementi che concorrono al calcolo dell’importo della rata mensile che occorre versare e che possono cambiare anche di valore da un periodo ad un altro. In particolare, bisogna tenere conto soprattutto dei tassi di interesse. Stiamo parlando del Tan e del Taeg.

Tan e Taeg

Il Tan rappresenta la quota degli interessi fissi applicati dalla banca o dalla finanziaria sulla somma di denaro che viene data in prestito. Il Taeg invece, ovvero il tasso annuo effettivo globale, rappresenta il costo totale di un finanziamento. È un indicatore che comprende infatti tutte le spese e tutti i costi, oltre che gli oneri che si intendono pagare. Si tratta di tutte quelle spese, tra cui ad esempio quelle di istruttoria e di apertura e di gestione della pratica, così come anche le spese di chiusura del finanziamento. Inoltre, ci possono essere richieste anche eventuali spese di assicurazione. Anche questi costi vanno ad aggiungersi al calcolo del Taeg.

Di solito, nel caso dei finanziamenti, dal Taeg vengono escluse le imposte che occorre versare per stipulare il contratto. Inoltre, vengono esclusi anche gli eventuali interessi di mora e i costi che riguardano il recupero del credito se non si dovessero rimborsare le rate in modo puntuale. Il Tag rappresenta certamente la variabile più importante da tenere in considerazione nel momento in cui si calcola la rata di un prestito e il suo importo.

A parità di rata, infatti, il finanziamento che è dotato di un Taeg più basso risulta essere certamente quello più conveniente e agevolante per tutti i clienti. Questi tassi di interesse possono cambiare e variare molto da una banca all’altra. Ai fini del calcolo dell’importo della rata mensile, si possono considerare anche altre variabili, tra cui il numero totale delle rate mensili.

Calcolo rata mensile: esempio

Poniamo un esempio per capire come calcolare l’importo della rata mensile che si intende versare. Supponiamo ad esempio di richiedere un prestito che ammonta a €20000 che si può rimborsare in 10 anni attraverso l’erogazione di rate mensili. Il Taeg applicato a questo prestito è del 12%. Inserendo questi valori all’interno del calcolatore automatico potremmo scoprire quindi qual è la rata mensile che occorre pagare, la quale ha un importo di circa €286. Le spese totali per interessi di questo prestito ammontano invece a più di €14000. Ciò significa che il costo complessivo del prestito è di €34432.

Per confrontare la convenienza tra le principali soluzioni di finanziamenti a parità di Tan, occorre invece considerare la soluzione che adotta il Taeg più basso. Nella casistica precedente, ad esempio, se il Taeg di quei finanziamenti fosse stato del 10%, allora la rata mensile ammonterebbe a €264. Le spese totali per gli interessi diminuiscono fino a €11700. Ciò significa che il costo totale del prestito è di €31700.

Tenendo conto quindi dei due valori del Taeg, è opportuno evidenziare quale soluzione può essere quella più conveniente per noi, anche senza richiedere troppi preventivi on-line. Grazie a questi strumenti possiamo capire quindi quale soluzione può essere quella più adatta per noi in base alle nostre esigenze economiche e alle nostre reali capacità di rimborso.