Calcolo rate prestiti per under 30: come cercare le offerte di prestito per giovani sotto i 30 anni nel 2021

Indice dei contenuti

Il fatto di voler fare richiesta di un prestito quando ancora non si sono compiuti i 30 anni può essere a causa di vari motivi. Di solito, in questa età, il prestito che viene richiesto è per poter avviare o un percorso formativo, quali master e simili, oppure per avviare un’attività imprenditoriale. Ma, una delle più probabili necessità è quella che riguarda il bisogno del denaro liquido. In questo articolo cercheremo di esporre quali sono le possibilità di richiedere un prestito se si è under 30.

Quali sono le opzioni di prestito per gli under 30?

Vedremo adesso un elenco di quelli che sono i principali prestiti che possono essere erogati:

  • Per tutti gli studenti universitari, dove c’è la possibilità di accedere a quello che viene chiamato “prestito d’onore” a cui si potrà accedere solo se si è under 30, con una comprovata iscrizione all’università o anche che sia un corso di equivalente ordine. Il prestito che potrà essere erogato, è quello che serve per coprire il costo d’iscrizione e il mantenimento della carriera accademica.
  • I vari enti locali, ma anche statali o europei offrono quelli che sono dei prestiti a fondo perduto, con la quale si potrà avviare un’attività imprenditoriale che sia nuova e innovativa. Può essere richiesto dagli under 30, la quale il fine ultimo sarà quello dell’avvio dell’impresa e l’ammontare potrà anche raggiungere i 500 mila euro.
  • In ultimo, abbiamo il prestito personale che potrà essere richiesto alle banche o alle finanziarie. Questi, per fare in modo di richiederlo, dovranno possedere una busta paga e un reddito costante, in alternativa esiste il contratto di fideiussione, tale contratto consente di usare la garanzia della busta paga di un terzo.

I prestiti per gli studenti e come funzionano

I prestiti per gli studenti, che sono detti anche d’onore, possono essere richiesti solo dove ci sarà l’inizio di un percorso formativo di alto livello. Questo corso potrà essere di tipo accademico, che quindi porterà a quello che è il conseguimento di una laurea oppure un master, altrimenti una specializzazione. Per poter accedere alla tipologia di prestito si dovranno avere inoltre una varietà di requisiti che si esplicano su quello che è il fattore di età, dovrà essere inferiore ai 30 e ovviamente superiore ai 18 anni d’età.

Perché c’è un limite massimo di età?

Il limite massimo del prestito sussiste per rappresentare quella che è la necessità di mantenimento attiva della carriera accademica, che servirà per coprire i costi d’iscrizione e gli eventuali costi che sono annessi allo stile di vita dello studente, infatti ci potranno essere dei costi relativi all’affitto di quello che potrà essere un appartamento oppure i costi relativi a quelli che sono i beni di prima necessità.

Quale è il vantaggio del prestito d’onore?

Il vantaggio di tale tipologia di prestito risiede nel fatto che non si dovrà restituire nell’immediato. Il debito studentesco si comincerà a pagare quando arriveremo ad avere  un impiego lavorativo.

Come si possono ottenere le borse di studio?

Esiste anche la possibilità ottenere una borsa di studio. Infatti, le varie Regioni d’Italia hanno solitamente in quella che è la loro sede amministrativa, un ente che viene preposto alla salvaguardia del diritto allo studio. Quest’ultimo è garantito proprio con l’erogazione di alcune borse di studio che potranno variare a seconda dei casi, ad esempio chi sarà pendolare o chi sarà fuori sede avrà diritto a quella che è una somma maggiore in relazione a tutti i costi maggiori che uno studente si trova a sostenere. Le borse di studio si possono ottenere con il conseguimento dei CFU, ma anche al reddito. Viene sempre messo un limite di ISEE sopra la quale non sarà possibile richiedere la borsa di studio, questo perché si presuppone che si abbia almeno un reddito familiare che permetta di sostenere tutte le spese universitarie.

Prestiti per giovani imprenditori: a fondo perduto

Questo è un tipo di prestito che si presta ad essere più complicato, ma per ottenerlo bisogna appunto dimostrare di avere un progetto imprenditore reale e che sia ben strutturato, vediamo i requisiti:

  • Si deve rientrare nella categoria di under 30 e bisogna avere almeno 18 anni.
  • Non si deve lavorare.
  • Non si deve avere una partita IVA, oppure non deve essere stata aperta più di 6 mesi prima della richiesta del prestito.
  • Non si dovrà essere partner o fondatori di un’altra società di persone o capitali.

Questi sono tutti i requisiti che vengono richiesti alla persona che vuole il prestito, ma ci sono anche dei requisiti generali che fanno parte solo al singolo progetto. Infatti, dato che vengono erogati da enti pubblici, potremo accedervi solo qualora si sia fatta l’iscrizione al bando con la presentazione del progetto imprenditoriale.

Progetto di tipo innovativo e di comprovata solidità

Vediamo che cosa è importante sapere per presentare il progetto al bando:

  • Il progetto dovrà essere allegato del business plan e al contempo un piano d’impresa.
  • Ci sono dei bandi che richiedono, che il progetto sia sottoscritto almeno da più persone, tali persone devono rispettare i precedenti requisiti.

Il vantaggio di richiedere un prestito a fondo perduto è dato dal fatto che questo non dovrà essere restituito in toto, ma una parte del debito sarà coperta dall’ente preposto. Il progetto che viene presentato al bando di gara, dovrà essere rispettato. Il consiglio è quello di fare uno studio intensivo del documento e di chiedere consiglio a un professionista, che potrà essere un legale o anche un commercialista per evitare di saltare dei dettagli che poi farebbero saltare l’accesso al finanziamento.

Prestiti personali con garante personale

L’ultimo caso è quello che viene rappresentato nel momento in cui si voglia fare richiesta per un prestito personale. Cioè, la somma potrà essere finalizzata a dei casi sanitari o un viaggio, ma il fine ultimo non necessita di essere menzionato. La banca generalmente effettua le erogazioni, sulla base del fatto che il soggetto che richiede i soldi possa essere in grado di restituire la somma. Per evitare di contrarre un debito, la quale sarà difficile nel caso poi adempiere a quella che è la prestazione per il pagamento, è bene che si prendano delle accortezze in merito, onde evitare un pignoramento. La soluzione è il contratto di fideiussione con la quale un terzo si impegnerà a garantire quello che è il pagamento del debito, laddove il primo non possa essere in grado di adempiere alla prestazione. La fideiussione, quindi, oltre a rappresentare il solo modo per poter accedere senza busta paga, è anche quello che servirà per poter abbassare i tassi d’interesse.

La cofideiussione

La cofideiussione è quella che vede la presenza di più garanti, questi potranno essere responsabili di tutto l’intero debito, altrimenti potranno esserlo solo in parte. Quindi, la fideiussione potrà essere richiesta anche da chi presenta una busta paga ma ha interesse ad avere un tasso d’interesse che sia il più basso possibile. Infine, esiste il caso della fideiussione bancaria. Tale caso vige quando sarà la banca a svolgere il ruolo di fideiussore. In tal caso un soggetto X contrarrà un prestito con il soggetto terzo, che potrà anche essere una persona di un’altra banca o proprio un’altra banca e la banca si porrà come garante del debito, richiedendo quella che è una somma di denaro a fini cauzionali. E’ evidente che questo sia uno strumento per abbassare il tasso d’interesse.