Calcolo rate prestiti al consumo: come fare, durata del finanziamento, esempi di rate

106

Indice dei contenuti

In questa guida parleremo del cosiddetto credito al consumo e di come si può effettuare un calcolo delle rate mensili previste per queste tipologie di prestiti. Vedremo come fare richiesta per questi tipi di finanziamenti e quale potrebbe essere la loro durata. Infine, vedremo alcuni esempi di rate mensili previste per questi tipi di prestiti, in base all’importo che si intende ricevere e ai tassi di interesse che vengono applicati a questi prestiti.

Prestiti al consumo: cosa sono e come funzionano?

Con l’espressione crediti al consumo si intendono dei finanziamenti concessi a persone fisiche o famiglie che consentono loro di acquistare un bene o un servizio particolare attraverso la rateizzazione della spesa necessaria per il loro acquisto. Sono spesso dei finanziamenti a breve termine. Questo significa che vengono concessi solamente per sostenere delle spese con motivazioni valide e le attività di consumo per famiglie e persone fisiche. Non sono delle soluzioni pensate invece per portare avanti degli investimenti a lungo termine. Al tempo stesso, questi tipi di prestiti sono dei prestiti personali.

Calcolo rate prestiti al consumo: come fare, durata del finanziamento, esempi di rateNon sono intesi con l’espressione credito al consumo invece i finanziamenti a lungo termine, tra cui ad esempio i mutui oppure i prestiti con leasing. Nel nostro paese, gli unici soggetti che sono autorizzati alla concessione di prestiti al consumo sono le banche e gli istituti di credito che sono iscritti negli appositi registri.

Sono dei soggetti che hanno la possibilità di concedere i prestiti con credito al consumo a persone fisiche o a famiglie e non invece a società o enti di qualsiasi genere. Per queste ragioni, tali prestiti non vengono concessi per motivazioni di tipo imprenditoriale, ma solamente per l’acquisto di un bene o di un servizio e poi essere utile per la propria famiglia e non per un’attività professionale o lavorativa.

Dettagli e caratteristiche

La finalità principale della concessione di questo tipo di prestito riguarda quindi il finanziamento della spesa corrente. Lo scopo è quindi quello di sostenere i consumi e tentare così il pagamento oppure rimandarlo nel tempo. Sono dei finanziamenti che vengono concessi spesso sotto forma di prestiti personali. Inoltre, possono essere concessi anche tramite le carte di credito oppure con le carte revolving, così come anche prestiti per consolidamento debiti e con il metodo della cessione del quinto dello stipendio.

Inoltre, all’interno della categoria dei prestiti al consumo si trovano due sottocategorie. Da una parte troviamo i prestiti finalizzati e dall’altra quelli non finalizzati. I prestiti finalizzati sono dei prestiti per i quali il denaro viene erogato solamente per l’acquisto di un bene o di un servizio specifico, dietro presentazione della documentazione di acquisto. I prestiti non finalizzati invece permettono di ottenere delle somme di denaro senza dover essere costretti a dimostrare il proprio motivo di richiesta.

Rimborso e tassi di interesse applicati

Il capitale che viene finanziato grazie a questi prestiti deve essere rimborsato in modo graduale. Ovviamente, alla quota capitale occorre aggiungere anche la quota degli interessi che vengono pattuiti e decisi tra le due parti, ovvero la banca che eroga il prestito al consumo e il soggetto richiedente, ovvero il debitore. In alcuni casi, il debitore può riuscire ad ottenere anche un finanziamento con un tasso di interesse pari a zero. Questo significa che il Tan, ovvero il tasso annuo nominale applicato al prestito, risulta essere nullo. Anche i finanziamenti a tasso zero tuttavia possono avere un Taeg che è diverso da zero.

Il Taeg rappresenta infatti un indicatore che indica la somma dei costi e delle spese dovute all’acquisto e alla concessione di un prestito. Il Taeg ci dice quindi in modo chiaro e a chiare lettere qual è la somma della spesa totale e a quanto ammontano i costi totali di un finanziamento. Chi riceve uno di questi prestiti, deve rimborsare il capitale entro un periodo di tempo predeterminato attraverso il versamento di rate mensili versate mensilmente. Di solito, la cadenza di rimborso delle rate è di tipo mensile. L’importo da rimborsare inoltre è costante.

Dove e come fare richiesta

Per poter fare richiesta per uno di questi prestiti, occorre rivolgersi direttamente ad una banca o ad un ente creditizio, sia locale che on-line. Qui possiamo trovare le soluzioni migliori per noi e che possono fare di più al caso nostro. Ciò che ci interessa davvero capire di questi prestiti sono soprattutto le garanzie richieste e gli interessi. È necessario presentare infatti tutte le proprie garanzie economiche per poter accedere al credito. Queste garanzie potrebbero essere più limitate se andiamo alla ricerca di finanziamenti a lungo termine. Le garanzie economiche richieste di solito riguardano il possesso di un conto corrente e il possesso di un reddito considerato dalle banche e dalle finanziarie sufficienti per poter accedere a un prestito al consumo.

Inoltre, le banche e le finanziarie valutano con molta attenzione la nostra affidabilità creditizia, anche controllando l’eventuale presenza del nostro nominativo presso la lista dei cattivi pagatori. Una volta ricevuto il finanziamento, il cliente provvede al rimborso graduale del capitale che ha ricevuto in prestito in queste rate. Occorre considerare non solo la quota capitale. Manca la quota degli interessi che viene pattuita in sede di sottoscrizione del contratto. Il rimborso avviene attraverso le rate mensili che possono avere gli importi più o meno elevati a seconda dei casi.

Calcolo importi rate mensili

Così come accade per tutte le altre tipologie di prestiti e finanziamenti, anche anche per i crediti i prestiti al consumo occorre tenere conto dell’importo delle rate mensili. È essenziale calcolare le rate mensili di rimborso di un prestito per capire quali sono i costi totali previsti per il suo rimborso. Inoltre, in questo modo abbiamo più strumenti a disposizione per capire anche se godiamo di una buona affidabilità creditizia. Possiamo capire se abbiamo anche un buon reddito per poter provvedere al rimborso di tutte le rate mensili del prestito.

Per calcolare esattamente l’importo delle rate mensili che occorre versare per rimborsare un prestito al consumo, puoi utilizzare alcuni strumenti on-line. Occorre inserire anche alcuni dati, tra cui l’importo del prestito che si richiede e la durata del piano di ammortamento dello stesso. Inoltre, se si conosce, occorre inserire anche il tasso di interesse applicato al nostro prestito. Infine, occorre inserire anche il numero delle rate che che si intendono pagare annualmente con cadenza mensile trimestrale o semestrale.