Calcolo rate mutuo con piano di ammortamento francese: come fare, spiegazione, consigli e info

Indice dei contenuti

Nel momento in cui si stipula un finanziamento, certamente occorre capire bene quali sono i costi complessivi dello stesso. È molto importante quindi effettuare un calcolo delle rate mensili di rimborso di un finanziamento oppure di un mutuo. L’importo della rata è molto importante da tenere in considerazione. In base a questo possiamo capire quali saranno i costi complessivi del prestito e se il rimborso delle rate risulta essere davvero sostenibile per noi dal punto di vista economico, anche in base al nostro reddito.

Va ricordato il fatto che di solito la rata mensile di rimborso di un prestito non deve andare oltre un terzo del proprio stipendio, ovvero delle proprie entrate economiche. Questo significa che se si guadagna uno stipendio di €1500 al mese, la rata mensile non deve superare i €500 mensili.

Ci sono dei casi in cui i finanziamenti possono essere cointestati. In questo caso, la rata mensile non deve andare oltre la somma degli stipendi dei richiedenti del finanziamento stesso. Ci sono certamente diversi aspetti di cui tenere conto per effettuare un buon calcolo della rata mensile di un prestito di cui parleremo proprio in questa guida.

Prestiti personali e rimborso

Il calcolo della rata di rimborso di un finanziamento certamente è molto importante. A tal proposito, si possono utilizzare ad esempio anche dei calcolatori e degli strumenti appositi che ci permettono di mettere a confronto le diverse variabili da tenere in conto per capire come effettuare il calcolo della rata mensile di un prestito. L’importo di ogni singola rata è dettato infatti da una serie di variabili e da alcuni algoritmi matematici che tengono in considerazione a loro volta altre variabili.

Queste variabili riguardano soprattutto il piano di ammortamento e altri elementi che possono essere stabiliti a totale discrezione della banca o dell’istituto di credito al quale ci si rivolge. Occorre tenere in conto quindi la finalità del mutuo o del finanziamento che si richiede, nel caso dei prestiti finalizzati, così come l’importo del mutuo e la sua durata. Anche il tasso di interesse applicato, lo spread e il numero delle rate che si intendono pagare mensilmente o trimestralmente sono certamente altri elementi di cui tenere in conto per effettuare un calcolo preciso delle rate mensili di rimborso di un finanziamento.

Piani di ammortamento

Tra i principali tipi di piani di ammortamenti che sono previsti oggi per i finanziamenti per i mutui, quello cosiddetto alla francese rappresenta uno dei piani di solito più gettonati per un prestito oppure per un finanziamento personale. Il piano di ammortamento alla francese è un piano di ammortamento che si caratterizza soprattutto per avere delle rate mensili che sono costanti mensilmente. Ogni mese dobbiamo quindi versare sempre la stessa somma di denaro. Questo è possibile anche se la quota degli interessi e la quota di capitale cambiano nel corso del tempo.

Ci sono naturalmente dei vantaggi e degli svantaggi che sono legati alla richiesta di un finanziamento con piano di ammortamento alla francese. In particolare, si può godere della comodità di poter rimborsare le rate mensili con gli importi che sono uguali per tutta la durata del prestito. Questo permette quindi di essere più tranquilli dal punto di vista economico, gestendo le entrate e le uscite che abbiamo ogni mese. Allo stesso tempo, con questa tipologia di finanziamento si pagano spesso delle rate mensili che sono costituite per lo più da interessi. Questi interessi rappresentano un vantaggio per noi, ma un vantaggio per la banca o per la finanziaria che li concede.

Piano di ammortamento alla francese

Il funzionamento di un piano di ammortamento alla francese è abbastanza semplice. Anzitutto, c’è da dire che nel momento in cui noi rimborsiamo le rate mensili di un prestito, il denaro che versiamo alla banca che lo ha erogato è costituito da due quote. Da una parte troviamo la quota del capitale che ci è stato prestato. Dall’altra troviamo invece la quota degli interessi che sono maturati sul capitale preso in prestito. Ci sono due modi tipici con i quali vengono calcolate le rate mensili: il piano di ammortamento alla francese e il piano di ammortamento all’italiana.

Il piano di ammortamento all’italiana permette di versare sempre la stessa quota capitale, mentre gli interessi possono variare di volta in volta. Ad esempio, i tassi di interesse possono essere più o meno elevati. Grazie al piano di ammortamento alla francese invece, le rate sono sempre uguali e ogni rata è composta da una quota diversa di capitale e di interessi. All’inizio del rimborso del finanziamento, la quota di interessi sarà più elevata.

Verso la fine del finanziamento, invece, ciò che si pagherà sarà quasi ed esclusivamente la quota capitale del denaro che ci è stato prestato. Al termine del prestito, il totale che abbiamo versato non si modifica, ovvero cambia solamente il modo in cui lo portiamo durante il piano di ammortamento stesso.

Pro e contro del piano di ammortamento alla francese

Ci sono naturalmente dei vantaggi e dei piccoli svantaggi che sono legati alla richiesta di un finanziamento con piano di ammortamento alla francese. Il vantaggio principale di questi finanziamenti riguarda il fatto che si andrà a pagare una rata che è costante nel corso del tempo. Questo ci permette quindi di gestire le proprie finanze in modo molto comodo.

L’aspetto svantaggioso invece di questi piani di ammortamento riguarda l’estinzione anticipata del debito stesso. In un primo momento, si andranno a pagare quindi gli interessi. È in questa fase che risulta più complicato trovare la liquidità necessaria per poter estinguere il prestito. È molto importante quindi tenere conto dei vantaggi e degli svantaggi di questi tipi di finanziamento, soprattutto a lungo termine.

Esempio calcolo rata mensile con piano di ammortamento alla francese

Poniamo il fatto che di richieda un capitale di €10000 i cui interessi ammontano al 5% e il cui rimborso avviene in 120 rate mensili, ovvero in 10 anni. Anzitutto occorre calcolare il totale che occorre rimborsare con il finanziamento. A questo proposito, ci sono anche degli strumenti on-line che ci possono servire per calcolare la rata mensile da rimborsare ad una banca o ad una finanziaria. In questo modo, possiamo vedere qual è l’importo della rata mensile da versare. Inoltre, occorre dividere la parte dei capitali da quella degli interessi per ogni singola rata mensile.